Caros Bisitadores, caros Lettores

    in custu "sìtiu" Web meu, apo su piaghere de bos presentare cantu, in barant'annos de trabàgliu, so resesessidu a fàghere in s'istùdiu de sa limba "nostra", antiga, bella, ricca e pretziosa, cun s'intentu de la poder torrare a bìder fiorire in sas laras de cantos sunt nàschidos e vìvidos in Sardigna.
A mie, chi puru ch'apo abbertu sos ojos in una 'iddaredda de sa Grècia, in Lindos in s'ìsula de Rodi, est capitada sa fortuna manna de aer àpidu unu babbu e una mama "sardos", fieros de l'èssere, a tales de no aer mai sessadu de impreare sa limba insoro, s'est chi l'ana semper faeddada tra issos, forsis finas pro appasigare su dolore de ch'èssere disterrados fora 'e domo pro chistiones de trabàgliu. Babbu fit finantzieri e in su 1938, annu de sa nàschida mia, fit servende sa pàtria in su Dodecannesu "italianu", ue che fit bistadu imbiadu.


E dae Lindos, poi de calchi annu, nos ch'agattemis trasferidos a Bagnara, in Calàbria, ue b'istemis finas a sessare de sa 2^ gherra mundiale e ue frecuentei sas iscolas elementares.
E sicomente babbu e mama ant sighidu che sempre a allegare in sardu, galu deo dae minoreddu apo suttu su limbazu insoro, chi apo mantesu e pratigadu finas a nde recuire in Sardigna.
Ma in sa terra 'e sos mannos mios, sighinde in sas iscolas, apo dévidu istudiare e faeddare un'àtera limba, s'italianu, chi apo atzettadu, che tottu, comente una limba "sorre" de sa mea, e chi cun su tempus est finas diventada pius importante e pius appretziada.
E s'est beru chi custa segunda sorre m'at finas giuttu, prima, a unu diploma de mastru 'e 'iscola e, pustis, a una làurea in "lettere moderne" e a pratigare sa passione manna chi tenia pro sa poesia e sa litteradura e a su comintzu de s'attividade litterària mia, e finas a meressire maicantos prètzios e riconnoschimentos, beru est però chi mai apo olvidadu o minispretziadu sa limba "mia" prima, sa chi m'at formadu comente ómine de una "terra" ricca de valores umanos, morales, tziviles e sotziales pròprios, chi non sunt mezus de cuddos de àteras zenias, ma nemmancu peus. Istesit gai chi, intendéndemi prima "sardu" e poi "italianu", apo leadu s'àtera detzisione de mi dedicare a fàghere calchi cosa chi potterat servire a fagher torrare sa limba nostra a sas làccanas de "connottu", in sa cumbintzione chi s’identidade de onzunu e de donzi pópulu no est cosa de pagu contu, ma s’indicu primu e pius ladinu de s’èssere “ómines inter ómines”, diversos eppuru cheppare in su consórtziu manu.
Apo comintzadu degai a iscrìer poesias, a imprentare lìbaros, a fàghere “bortaduras in limba” de autores de sa litteradura mondiale, cales Omero (Odissea e Iliade), Federicu Garçia Lorca (Su teatru sou: Bodas de sangre, Yerma, In casa de Bernarda Alba) e maicantas àteras cosigheddas.
A sos primos annos Settanta, finas meravizadu dae sa ricchesa de abberu manna de sa limba sarda, in cadaunu de sos limbazos nostros,  cunsiderende chi sos Vocabulàrios chi aimis fint tottu “de parte”, ossiat o logudoresos o campidanesos, nugoresos o tataresos o Gadduresos, mi so cumbintu chi forsis baliat sa pena de chircare de los pònnere tottu a pare, ca sa limba est "una" (ammentàmulu!). Mi so finas abbizadu chi mai niune aiat pensadu a comente si det iscrìere custa limba, e chi, non connoschende -sa zente- sas régulas de s’iscrittura, si regulaiat iscriende a sigundu de comente pronuntziaìat.sas peràulas.
Aerru mannu! -custu- ca non b’at “limba” in su mundu intreu chi si iscriat comente si faèddat, ca una cosa est su “fonema” (su sonu de una paràula), un’àtera su “grafema” (comente cussa paràula andat iscritta).
Aende deo fattu pro ùndighi annos su direttore de S’Ischiglia, s’ùnica rivista de poesia e Litteradura Sarda, de su 1900, animada e ghiada dae “tiu” Anzeleddu Dettori, e aende toccadu cun manu de comente onzi poeta o iscrittore iscrierat sa matessi paràula a manera pròpria (sosthe, soste, solte, solthe, sorte, sorthe, sorti, sorthi, solti), meravizadu chi mai niune in Sardigna aeret pensadu a “isdighire” custa “chistione”, forsi ca su Sardu serviat solu pro lu faeddare e mai pro essere iscrittu, meravizadu finas chi medas istudiosos e professores de limbìstiga sarda de sas Universidades de Casteddu e de Tàtari no aerent mancu pensadu a fàghere calchi cosa, apo detzisu de mi nd’impignare e, sighinde iscièntzia e bonu sensu, apo cumintzadu a ammanizare su DULS (1991), Dizionàriu Universale de sa Limba Sarda, cun 200.000 vocàbulos, tottu iscrittos a sa matessi manera, in sas chimbe faeddadas sardas (logudoresu, nugoresu, campidanesu, tataresu e gadduresu) e, po andare a passos cun sos tempos noos, aggiunghendebei finas : inglesu, frantzesu, Ispagnolu e tedescu..
Appoi de vintiduos annos dae s’imprenta de su primu DULS, in su 2013, acco’. prontu unu Ditzionàriu nou, chi tenet casi su matessi lùmene de su primu, su DULSI (Ditzionàriu Unificadu de sa Limba Sarda Iscritta), de 400.000 paràulas, arricchidu in prus de modos de nàrrere, dìccios e dae una parte antolózica chi visìtat totta sa Litteradura Sarda dae su 1200  a dies de oe.
Custu trabàgliu at a èssere pubblicadu intr''e occannu dae sa Regione Autònoma de Sa Sardigna, in su sìtiu “Scuola Digitale Sarda”, a cura de s’Assessoradu a sa Cultura, in su momentu in su cale sa Sardigna s’approntat a fàghere intrare sa Limba Sarda in tottu sas iscolas sardas, paris cun sos lìbaros pro sas elementares, mèdias e mèdias superiores. e sas Grammàticas de su Sardu, cumpresas cuddas de sas limbas istranzas (alloctonas) de su Català de l'Alguer e Tabatchina.
Isperamus de lu poder cantu prima finas impreare in Volùmes, pro chi a su Sardu si b’accurtzient cantos ant a coro sa Limba e sa Cultura Sarda
Un’ammessedu a cantos nos ant a bisitare e unu particulare a s’amigu Francu Piga de Romana, poeta sensìbile e delicadu, appassionadu de limba e cultura sarda e finas de “computer”, pro m’aer ammanizadu custu “sìtiu”.
                                                     
                                                                                           Cun salude e…fortza paris!   
                                                                                         Antoninu (Tonino Mario) RUBATTU
 
 
Cari Visitatori, cari Lettori,
 
in questo mio sito Web ho il piacere di presentarVi quanto in quarant’anni di lavoro sono riuscito a fare studiando la nostra “lingua”, bella, ricca e preziosa, con l’intento di poterla vedere rifiorire sulle labbra di quanti sono nati e vissuti in Sardegna.
A me, che pure ho aperto gli occhi in Grecia, a Lindos, un piccolo paese dell’isola di Rodi, è capitata la grande fortuna di avere avuto una padre e una madre sardi, fieri di esserlo, fino al punto di non avere mai abbandonato la loro lingua, che hanno sempre parlato tra loro, forse fino per alleviare il dolore di aver dovuto abbandonare la loro terra. Mio padre era una guardia di finanza e nel 1938, anno della mia nascita, si trovava nel Dodecanneso dove era stato inviato a servire la patria. E da Lindos, dopo pochi anni, ci ritrovammo a Bagnara, In Calabria, dove era stato trasferito e dove abbiamo abitato fino alla fine della seconda guerra mondiale e in cui ho frequentato le scuole elementari.
E siccome papa e mamma hanno continuato a parlare in sardo, anche io da piccolo ho succhiato la loro ligua che ho mantenuto e praticato fino al rientro in Sardegna.
Ma nella terra dei miei antenati, continuando gli studi, ho dovuto apprendere e parlare un’altra ligua, l’italiano, che ho accettato, come tutti, come una lingua-sorella e che col tempo è diventata finanche più importante e più apprezzata della mia.
E se è vero che questa mia seconda lingua mi ha fino condotto prima ad un diploma di maestro elementare e, poi, ad una laurea in lettere moderne e a praticare la mia passione per la poesia e per la letteratura, meritando finanche apprezzamenti e riconoscimenti, vero è che mai ho soltanto pensato di disprezzare o di abbandonare la mia prima lingua, quella che mi ha formato come uomo di una terra ricca di valori umani, morali, civili e sociali propri, che non sono migliori di quelli altrui, ma nemmeno inferiori. Fu così che, sentendomi prima sardo e poi italiano, ho maturato la decisione di dedicarmi a fare “qualcosa” che potesse rivelarsi utile a far rientrare la nostra lingua entro i confini della “tradizione”, nella convinzione che l’identità di un popolo e di ognuno dei suoi figli non è cosa di poco conto, ma l’indicazione prima e più chiara dell’essere “uomo tra gli uomini”, diversi ma tutti ugualmente affratellati nel consorzio umano.
Ho cominciato così a scrivere poesie, a dare alle stampe dei libri, a tentare “traduzioni” di autori importanti della letteratura mondiale, quali Omero (Iliade e Odissea), Federico Garçia Lorca (Il Teatro: Bodas de sangre, Yerma e la Casa de Bernarda Alba) ed altri ancora e fare altre cosettine.
Ai primi anni Settanta, meravigliato dalla ricchezza straordinaria del lessico complessivo della lingua sarda e considerando che i tanti vocabolari sardi erano tutiti “di parte o di area linguistica” monotematici, cioè o Logudoresi o Campidanesi, o Nuoresi, Sassaresi o Galluresi e, per di più tutti redatti senza precise regole morfo-sintattiche, mi sono convinto che forse valeva la pena di cercare di “unificare” almeno sotto il profilo ortografico le varie anime, nella convinzione che “una” è la lingua sarda, per quanto “sfaccettata” in diverse realtà areali.
Ho finanche scoperto che mai nessuno aveva posto mano alla questione della “scrittura del sardo”, ma che questa si regolava unicamente sul come ogni parola veniva pronunziata (sosthe, soste, solte, solthe, sorte, sorthe, sorti, sorthi, solti),
Errore grave! -questo- giacchè non c’è lingua al mondo che si scriva come si pronuncia, dato che una cosa è il fonema (il suono di una parola) un’altra è il grafema (come vanno scritti quei suoni).
Avendo io fatto, e per undici anni, il direttore di S’Ischiglia, l’unica rivista di poesia e Letteratura Sarda, animata per decenni da “tiu” Anzeleddu Dettori, e avendo pertanto potuto toccare con mano come si regolavano i tanti poeti e scrittori sardi, tra la noncuranza di pur validi studiosi della materia e finanche degli Atenei di Sassari e Cagliari (convinti, credo, che il Sardo era una lingua con cui comunicare unicamente a voce e non per iscritto), ho deciso di impegnarmi al riguardo e, seguendo scienza e buon senso, a compilare un Dizionario che mettesse assieme la varie “parlate” nostrane e proponendo regole di scrittura uniformi per tutte (sorte, sorti, pertanto, visto che secondo le regole della Fonetica Storica, la parola deriva dal lat. sors-sortis), lasciando ognuno però libero di pronunciarla secondo le consuetudini locali.
Nacque così, nel 1991, il DULS (Dizionàriu Universale de sa Limba Sarda), con oltre 200.000 lemmi tutti scritti in maniera univoca, in ognuna delle cinque parlate sarde, ossia Logudorese, Nuorese, Campidanese, Sassarese e Gallurese. arricchiti, per stare al passo con i tempi, dall’equivalente in Inglese, Francese, Spagnolo e Tedesco.
Ed ora ecco, dopo ventidue anni, un secondo dizionàrio, il DULSI (Ditzionario Unificato della Lingua Sardascritta), di 400.000 lemmi, arricchito in più di una parte antologica che visita l’intera storia della Letteratura Sarda dal XII^ al XX^ Secolo.
Questo ultimo lavoro sarà pubblicato entro l’anno corrente nel sito della Regione Autonoma della Sardegna, intitolato SCUOLA DIGITALE SARDA, proprio nel momento in cui la Sardegna si appresta ad introdurre la Lingua Sarda nelle scuole di ogni ordine e grado, insieme ai testi per le scuole elementari, medie, medie superiori e alle grammatiche del Sardo, in ognuna delle sue parlate, comprese quelle alloctone del Català de l’Alguer e del Tabarchino.
Ringrazio di cuore quanti, visitando questo spazio, vorranno e sapranno ricavare un ulteriore sprone per volere ribadire l’orgoglio della propria identità, anche attraverso l’uso della propria lingua.
Un grazie particolare, infine, all’amico Franco Piga di Romana, poeta sensibile e raffinato in “limba”, appassionato della cultura sarda e, finanche di informatica, per avere ideato e preparato questo sito.
 
                                                                       Vi abbraccio tutti cordialmente
                                                                        Antoninu (Tonino Mario) RUBATTU

 

 

 

 

 

Antoninu Rubattu (Tonino Mario Rubattu) Copywrite 2013

WebMaster Franco Piga (Romana 'SS') - Sito online dal 1 settembre 2013