Ditzionariu Sardu Unificadu

Tutto A B C D E F G H I L M N O P Q R S T U V Z
Termine Definizione
abbacchiare|1

vt. ( abbattere la frutta dagli alberi) [to beat down, gauler, varear, abschlagen] abbertigheddare, abbertighittare, iscutzulare cun sa ‘értiga (lat. EXCUTULARE), ispilire, mazare (lat. MALLEUS) L, cartastare, falare a pare, iscùdere a mazu (a mazucca, a mazadòrgia), maggiare, mazare, matzoccare, imprannugae N, donai spertiadas, mallai, pertiai, scrixolai, scudiri, scuttulai C, ischudì a vérthigga (a ròcciu) S, abbadalchjà, abbatalchjà, abbatarchjà Lm, batalchjà, batarchjà Lm , appalticà, iscugnì G ■ maggiadorza f. N’pertica per a.’| scarrai C ‘a. le olive’ A S’annu fit su primu chi deo bi fia a nde collire s’olia dae su comintzu a s’ùrtimu: a nde l’ispilire, a manos| a la collire, pro su prus dae terra a una a una, cun cuddos póddighes che puddas bicchende, chi però, balla, b’aiat pagu de rìere| za zughiaimus telos puru a los isterrer sutta de sas àrbures, ma b’aiat logos malos chi nde cheriat collida a manos, poi a che la carrare a bidda cun s’àinu, a la medire, a che la leare a mulinu, a nde battire s’ozu a domo. (L - m. Puddu) ‘L’anno era il primo in cui partecipavo alla raccolta delle olive dall’inizio alla fine: ad abbacchiarle, a mano| a raccoglierle, per la maggior parte da terra a una a una, con le dita, come le galline che beccano, che però, porcaccia, non c’era mica da ridere| avevamo sì dei teloni da stendere sotto gli alberi, ma c’erano dei luoghi impervi dove bisognava raccoglierle a mano| e poi bisognava trasportarle in paese con l’asino, misurarle, portarle al frantoio, e trasportare l’olio a casa.’ ● Frùttula chi non fala s’abbatalchigghja (prov.-G) ‘frutta che non cade (dall’albero) si abbacchia’

Tutto A B C D E F G H I L M N O P Q R S T U V Z

Antoninu Rubattu (Tonino Mario Rubattu) Copywrite 2013

WebMaster Franco Piga (Romana 'SS') - Sito online dal 1 settembre 2013